giovedì, 22 febbraio 2018

Volare Film, tradizione e innovazione dalle terre Pugliesi


INTERVISTA A LUIGI IOVANE


Siamo felici di aver parlato con Luigi, campano doc ma residente in Puglia dal 1999, sui temi a noi più cari.
Dal 2003 organizza e dirige Imaginaria, l’unico festival internazionale di cinema d’animazione pugliese, ed oltre ad essere un filmmaker freelance è da un paio d’anni anche un operatore autorizzato Enac.
Eccovi la nostra intervista!


Ciao Luigi e benvenuto sul nostro Blog.
Volevo subito chiederti da dove nasce la tua passione per il “volo” e cosa ti ha spinto ad avvicinarti a questo mondo?


Ciao Simone e grazie per l’intervista.
Gli apr (droni) sono stati una sorpresa per chi, come me, è sempre stato attento e affascinato dalle nuove tecnologie, in particolare da quelle legate al mondo del cinema.
Quando ho capito il potenziale di questi mezzi me ne sono innamorato e tutt’ora fanno parte del mia “attrezzatura”.


Quali sono le emozioni che, secondo il tuo punto di vista, solo una ripresa aerea può trasmettere?


Le riprese aeree realizzate con i droni determinano punti di vista inediti e, se utilizzati con opportuna preparazione tecnica e fotografica, immagini di forte impatto emotivo.
Il settore è in piena evoluzione e la qualità delle riprese, sempre più definite e stabili, porteranno, ne sono certo, nuove soluzioni anche nel mondo dei video a 360° e VR all’interno delle sale cinematografiche.
Le nuove riprese permetteranno un immersione totale e, quindi, un nuovo concetto di cinema.


Fai parte di Volare Film, una società pugliese che si occupa di produzione audiovisiva e cinematografica.
Quando è nata e di cosa vi occupate più nello specifico?


La società è nata nel 2015 ma ha al suo interno professionalità che lavorano nel settore audiovisivo da oltre 30 anni.
Io mi occupo, quale pilota apr, prevalentemente delle riprese a mezzo droni.volare-film-luigi-allopera


Attualmente state utilizzando dei SAPR (droni ad uso professionale) nella vostra attività.
Quali sono i lavori nei quali vengono maggiormente impiegati?


Principalmente service di lavoro aereo ma lavoriamo anche con alcune Istituzioni (università e comuni) partecipando a bandi e lavori in co-progettazione in diversi settori quali l’archeologia e l’agricoltura sostenibile.


Hai dovuto, come me, seguire tutto l’iter per diventare un Operatore Riconosciuto e poter operare professionalmente.
Se potessi, cosa cambieresti nella gestione di Enac in merito alla regolamentazione e all’addestramento?


Direi che EASA detterà le linee per il prossimo futuro e quindi tutti gli enti europei di riferimento dovranno aggiornare i propri regolamenti.
Enac farà lo stesso e per certi versi ha già intrapreso questa strada.
Credo sia giusto poter lavorare con questi mezzi solo se si è in possesso di un brevetto di volo ma i tempi di Enac per il rilascio delle autorizzazioni ai centri di addestramento italiani va a rilento e ad oggi sono tutti concentrati nel centro e nel nord Italia, Si spera in una proroga per chi come me che vive al sud, deve convertire il proprio titolo abilitativo.


Ringraziandoti per l’intervista ti chiedo di lasciare i tuoi contatti (e quelli della società) in modo che i nostri utenti possano conoscervi.


Un saluto a tutti gli amici di InfoDrones.
Potete trovarmi su Facebook,https://www.facebook.com/iovaneluigi, scrivermi per mail all’indirizzo luigi@volarefilm.it o contattarmi telefonicamente al 3389222118.
Vi lascio anche il sito web di Volare Film: www.volarefilm.it




Vi ricordiamo che InfoDrones.It raccoglie le vostre richieste e crea articoli in base alle vostre esigenze. Non esitare a contattarci all’indirizzo infodronesit@gmail.com e continua a seguirci su Facebook, Google+ , Twitter e Instagram !!!