mercoledì, 21 febbraio 2018

HDB, l’importanza di una polizza SAPR


INTERVISTA A FRANCESCO FREDA


Abbiamo avuto il piacere di parlare con Francesco Freda, che insieme a Carola Federico è responsabile del settore “Droni e Aviation” presso HdB Srl, società di brokeraggio competente in settori specialistici, come quello dei droni.
Scopriamo insieme cosa c’è dietro questo mondo e quanto sia importante un assicurazione in ambito SAPR.


Ciao Francesco e benvenuto sul Blog.
Hdb è una società di brokeraggio assicurativo indipendente con una grande esperienza.
Perché vie siete avvicinati al mondo dei SAPR?


Grazie Simone, ci siamo avvicinati al mondo dei droni nel 2014 quando la polizza RC è diventata obbligatoria anche per i droni.
Sul mercato assicurativo italiano la risposta delle compagnie nazionali tardava ad arrivare e le poche proposte che erano disponibili erano quasi irraggiungibili a livello di premio richiesto.
HdB si occupa di Aviation da anni e quindi non abbiamo riscontrato alcuna difficoltà nel trovare un prodotto ad hoc che già esisteva sul mercato londinese con cui collaboriamo quotidianamente.

Nel tempo anche le compagnie italiane si sono adeguate e quindi l’offerta assicurativa è cresciuta, spesso anche con un po’ di superficialità di approccio al settore.
Con superficialità intendo dire che bisogna sempre ricordare che le polizze dei droni a livello professionale sono polizze legate al ramo aviation e che quindi vanno ricercate nelle compagnie che sono abilitate a lavorare in questo ramo.


Perché dovremmo assicurare un Drone e quanto è importante farlo?


Non esiste la possibilità di effettuare un lavoro professionale con i droni senza una copertura assicurativa che ottemperi a quanto richiesto dalla legge.
Il 30 aprile 2014 è entrato in vigore il Regolamento ENAC “mezzi aerei a pilotaggio remoto” che è stato emanato in attuazione del art. 743 del Codice della Navigazione.
Il regolamento stabilisce l’obbligatorietà della polizza RC: per semplificare il concetto il drone, come un’auto, può “circolare” solo se coperto da polizza RC. Chiaramente parliamo sempre di operatori professionisti abilitati ENAC.

Hdb-polizze per droni-sapr-enac-assicurazione-droni-operatori sapr

Assicurare un drone è importante anche quando lo consideriamo un mero bene materiale.
HDB ha pensato anche a questo ed offre polizze che compredono sia i danni al drone che alla strumentazione (  la polizza kasko per fare un analogia con l’auto). Alcuni droni sono molto costosi e crediamo che il cliente abbia diritto alla possibilità di tutelare il suo patrimonio anche in questa situazione.
Anche tutto il mondo hobbistico/ludico, che ricordiamo può far volare il proprio drone solo ed esclusivamente in campi volo definiti o in aree che rispettino il regolamento, ha la possibilità di aderire ad associazioni che offrono coperture molto economiche e sufficienti a tenere indenne il pilota.
È importante ricordare che l’uso del drone definisce come viene regolamentato e quindi anche la parte assicurativa cambia.


Hdb collabora con DGFly.
Ci potete spiegare in cosa consiste questo tipo di partnership?


La collaborazione con DGFly è nata lo scorso anno, Davide Gaglione è un professionista nel mondo dell’aeronautica ed è quindi molto sensibile al tema della formazione piloti e dell’impatto che lo sviluppo del settore droni può avere sull’industria e sul quotidiano.
Si è quindi proposto insieme ad alcuni soci e partner (tra cui HdB) di formare un’Accademy in cui promuovere uno standard di eccellenza nella formazione dei piloti, nelle operazioni di volo e nello sviluppo tecnologico del settore dei SAPR.
La sinergia tra i partner sarà fondamentale per poter garantire una formazione di alto livello a 360° e noi siamo molto fieri di far parte di questo progetto.


Sul web, e sopratutto sui Social, vediamo spesso filmati in contrasto con il regolamento Enac (siano essi aereomodelli che aeromobili).
Cosa si rischia pubblicando questi video? E’ vero che siamo passibili di denuncia da parte dell’autorità competente?


Sì, le immagini girate con i droni sono oramai ovunque e non si ha la certezza che tutti gli autori siano in regola con quanto richiesto dalla normativa, visto anche l’impegno necessario ad ottemperare alla regole in continua evoluzione.
Questo è un problema sotto diversi punti di vista, certamente in primis quello della sicurezza, ma l’atto stesso dell’affidarsi ad un operatore non regolare va punito poiché alimenta l’illegalità del settore e provoca frustrazione a tutti gli operatori accreditati ENAC che invece hanno sostenuto spese ingenti per i corsi, le visite mediche, l’assicurazione ecc..

Hdb-polizze per droni-sapr-enac-assicurazione-droni-operatori sapr-ottocottero

Crediamo che il lavoro professionale vada nobilitato e rispettato ed è anche per questo che ci adoperiamo nella formazione di professionisti come dicevamo prima.
Pubblicando video senza essere autorizzati o comunque operando nell’illegalità si rischiano sanzioni amministrative salate e spesso si finisce nel penale (so che sembra esagerato ma si tratta pur sempre di infrazione del codice della navigazione ).
Il 30 aprile 2015 il ministero dell’interno ha pubblicato un prontuario per le infrazioni dove vengono riportate le diverse pene a seconda delle situazioni. Inoltre so che molti operatori autorizzati segnalano quotidianamente i video illegali alla polizia ed a Enac stessa.


Ringraziandoti per l’intervista ti chiedo di lasciare i vostri contatti.


Grazie a te per l’opportunità.
Potete contattarci tramite posta elettronica a dronihdb@gmail.com, chiamarci al numero 010.2530389 e trovare tutte le informazioni necessarie sul nostro sito web www.hdbonline.it.




Vi ricordiamo che InfoDrones.It raccoglie le vostre richieste e crea articoli in base alle vostre esigenze. Non esitare a contattarci all’indirizzo infodronesit@gmail.com e continua a seguirci su Facebook, Google+ , Twitter e Instagram !!!